Versione Normale

ECOMUSEO TERRE D'ACQUA fra OGLIO e PO

ECOMUSEO TERRE D'ACQUA fra OGLIO E PO: è un’istituzione culturale senza scopo di lucro al servizio della società e del suo sviluppo culturale, sociale ed economico, facente capo ai Comuni di Viadana, Commessaggio, Dosolo, Gazzuolo e agli Enti Parco Oglio Sud e Consorzio di Bonifica Navarolo i quali individuano il Comune di Viadana quale soggetto Capofila, dotato di rappresentanza legale e delegato a rapportarsi con Regione Lombardia in riferimento a tutti gli adempimenti previsti per il riconoscimento, per le attività della rete degli ecomusei di Lombardia e per la richiesta di contributi.
 
AREA TERRITORIALE DI RIFERIMENTO: L’Ecomuseo fa riferimento all’area territoriale compresa tra Oglio e Po e coincidente, all’atto dell’istituzione, con i territori dei Comuni di Viadana, Commessaggio, Dosolo e Gazzuolo, identificata e contraddistinta da caratteristiche paesaggistiche, ambientali, socio-economiche, storiche e di identità culturale proprie e omogenee il cui elemento comune è costituito dall’acqua.
 
SEDE LEGALE :  Comune di Viadana -  Piazza Matteotti , 2
 
SITO INTERNET : www.ecomuseoterredacqua.it
 
CENTRO DI DOCUMENTAZIONE: Ex Centrale termoelettrica di San Matteo delle Chiaviche
 
FINALITA’ :  valorizzazione del patrimonio ambientale, storico, artistico e culturale del territorio potenziandone l’attrattiva turistica a partire dal recupero e riutilizzo della struttura della ex Centrale termoelettrica di San Matteo delle Chiaviche.  
Missione dell’Ecomuseo è documentare, raccogliere, valorizzare e diffondere la memoria storica del territorio nelle sue manifestazioni materiali ed immateriali attraverso l’organizzazione di attività culturali e didattiche.
L’Ecomuseo comunica, conserva e trasmette l’identità e i valori del territorio insieme alle istituzioni locali e alla popolazione residente con la fattiva collaborazione delle associazioni locali e del mondo imprenditoriale; stimola l’incontro tra popolazione residente e visitatori/turisti; persegue e favorisce il dialogo sociale e intergenerazionale; promuove il recupero delle conoscenze tecniche e manuali nell’ambito dei lavori tradizionali del territorio.
In particolare :

  • valorizzare attraverso la ricerca, la conservazione e la divulgazione, l’insieme dei beni culturali rappresentativi dell’ambiente compreso nel territorio tra Oglio e Po e dei modi di vita che lì si sono succeduti e ne accompagnano lo sviluppo;
  • coinvolgere attraverso una partecipazione attiva la popolazione e le associazioni in quanto l’Ecomuseo rappresenta l’espressione della cultura del territorio e ha come principale riferimento le comunità locali;
  • far conoscere le trasformazioni sociali, economiche, culturali e  ambientali storicamente vissute dalla comunità;
  • conservare e restaurare ambienti di vita tradizionali per tramandare le testimonianze e le trasformazioni della cultura materiale ed immateriale, delle attività lavorative e delle abitudini di vita;
  • predisporre percorsi turistici e culturali volti a ricostruire le conoscenze storico-ambientali;
  • promuovere e sostenere attività di ricerca scientifica e didattico-educativa riferite alla bonifica dei territori, alla storia, all’arte, alle tradizioni locali e all’ambiente;
  • tutelare il paesaggio tipico legato alla presenza dell’acqua in relazione alle attività di bonifica e di tradizione contadina;
  • valorizzare e tutelare il paesaggio nei suoi aspetti ambientali e naturalistici nella confluenza tra Oglio e Po.

 
PATRIMONIO ECOMUSEALE
STRUTTRE, BENI CULTURALI, MUSEI, RACCOLTE PUBBLICHE E PRIVATE :
-nel Comune di Viadana : Museo Civico “A.Parazzi”, Galleria d’Arte  contemporanea, Biblioteca Comunale “L.Parazzi”, Fototeca Comunale “Dino Carnevali”, Società Storica Viadanese con archivio e biblioteca, palazzi storici, chiese parrocchiali e oratori, corti rurali.
-nel Comune di Commessaggio : Torrazzo gonzaghesco, Casa-museo “la Silenziosa”, Palazzo comunale e campana civica risalenti a Vespasiano Gonzaga, Chiesa parrocchiale e oratori, Ponte di barche.
-nel Comune di Dosolo : Chiese parrocchiali e santuario dell’Alberone, Corti-palazzo Garagna, Ghirardina e Correggioverde, edifici in stile liberty e neogotico  di Villastrada.
-nel Comune di Gazzuolo : portici gonzagheschi, Centro della Comunicazione Audiovisiva “Oreste Coni”, Chiese ed Oratori.
STRUTTURE  CHE HANNO CONTRIBUITO ALLA TRASFORMAZIONE DEL TERRITORIO E DA BENI PAESAGGISTICI E AMBIENTALI:
-nel Comune di Viadana : impianto idrovoro di San Matteo delle Chiaviche, ponte in barche di Torre d’Oglio, argini, saliceto di foce d’Oglio e area Demos adiacente (area demaniale per realizzazione di progetti di riqualificazione ambientale), canali di bonifica Fossola, Navarolo, Ceriana, Bogina e Gariboldello, bugni, lanche, nodo idraulico di Squarzanella.
-nel Comune di Commessaggio : canale Bogina e relativo “corridoio ecologico” costituito  da spazi naturali collegati tra loro e  il fiume.
-nel Comune di Dosolo : argine maestro del Po, area e boschi golenali, il medievale “Argine Dietro”, strada “Bianca”, 4 km di campagna/confine amministrativo tra Dosolo e Pomponesco (con la presenza di alberi secolari e residua macchia padana)
-nel Comune di Gazzuolo : torbiere di Belforte, chiavica Gasparetti
PERCORSI CICLABILI E PEDONALI:
-percorso ciclabile “Greenway” del fiume Oglio
-percorso degli impianti di bonifica
-percorsi ambientali segnalati dal Parco Oglio Sud lungo il canale Bogina
-percorsi di storia religiosa
-percorsi pedonali e ciclabili che partono dall’argine maestro dei fiumi Po ed Oglio verso la campagna viadanese.
PATRIMONIO IMMATERIALE da   legato alle attività di bonifica, alla specificità delle coltivazioni agricole e dell’enogastronomia, alle tradizioni contadine agricole e zootecniche, alle attività delle imprese di trasformazione legate allo sviluppo delle coltivazioni arboree fluviali tra cui, elencate a titolo d’esempio :
-momenti di aggregazione come fiere e mercati; manifestazioni legate all’acqua
-nel Comune di Viadana : Festival Lodoviciano di musica antica, fiera di San Pietro, Sagra del Melone, fiera dello Zafferanone, Notte Bianca dei Musei, manifestazioni quali “Autunno in campagna” e “Brüsa la vecia”;
-nel Comune di Commessaggio : palio delle contrade e regata dei battelli, falò della “Vecchia”, festa degli Amici del Navarolo, Festa del Lùartis
-nel Comune di Dosolo : festa della lumaca, festa della rana e della psina, gara di lambrusco, Festival dei “corti” (concorso nazionale di cortometraggio), festa della zucca
-nel Comune di Gazzuolo : festa “d’la rana e dal stracot” attività didattiche del Centro di Comunicazione Audiovisiva “Oreste Coni”, esposizione di artisti dilettanti a cura dell’Associazione “Artisti sotto l’albero”; eventi musicali a cura del  Corpo bandistico M° L. Bergamaschi e del Laboratorio “I Ragazzi di Mimì”
-Consorzio di Bonifica Navarolo : settimana nazionale della Bonifica
 
ATTIVITA’ E MANIFESTAZIONI ECOMUSEALI : Ogni anno vengono organizzati eventi e manifestazioni con il coinvolgimento e la collaborazione della popolazione e delle associazioni locali che consentono di tenere viva l’attenzione sui temi delle antiche tradizioni lavorative, culturali, storiche e ambientali. L’Ecomuseo svolge la sua attività di tutela, raccolta e valorizzazione delle strutture, di salvaguardia, valorizzazione e diffusione del patrimonio immateriale, di  promozione delle produzioni enogastronomiche e dell’artigianato attraverso una programmazione pluriennale.
 
ORGANI
Assemblea dei rappresentanti degli Enti sottoscrittori
L’assemblea dei rappresentanti degli Enti sottoscrittori è costituita dai rappresentanti legali, o loro delegati, dei Comuni, degli Enti e delle Associazioni aderenti.
L’Assemblea è l’organo di indirizzo politico-amministrativo con funzioni di programmazione.
L’Assemblea può altresì avvalersi dell’apporto di esperti   per progetti di studio e ricerca.
Gruppo di coordinamento tecnico-scientifico
Il gruppo di coordinamento tecnico-scientifico, costituito dai funzionari designati da ogni singolo Ente, Istituzione o Associazione, ha il compito di dare attuazione agli indirizzi e alle direttive impartite dall’Assemblea dei rappresentanti degli Enti sottoscrittori.
Il gruppo costituisce altresì il supporto tecnico di cui l’Assemblea si avvale per la stesura del programma pluriennale da presentare alla Regione Lombardia in occasione della domanda di riconoscimento dell’Ecomuseo.
Tra i funzionari del gruppo di coordinamento tecnico-scientifico verrà individuata la figura del Referente dell’Ecomuseo che  svolgerà le seguenti funzioni :

  • favorire le aggregazioni e le collaborazioni a tutti i livelli all’interno del territorio dell’Ecomuseo;
  • costituire un archivio di dati in cui far confluire i programmi;
  • promuovere e incrementare la collaborazione con le scuole, i centri di studio, gli istituti museali ed ecomuseali operanti sul territorio provinciale e aderenti al Sistema museale provinciale, sul territorio regionale, nazionale ed estero;
  • organizzare azioni formative finalizzate al funzionamento dell’Ecomuseo;
  • coadiuvare l’Assemblea dei rappresentanti degli Enti sottoscrittori  nell’individuazione dei programmi e delle attività dell’Ecomuseo;
  • partecipare alle attività della rete regionale degli Ecomusei.

 

Immagine2: